Il pronostico della FMI: nel 2020 sarà recessione

Il direttore del FMI, Kristalina Georgieva, non ha usato mezze parole nel suo intervento di poche ore fa in videoconferenza di fronte ai Ministri di Finanza del G20 “Il nostro pronostico per la crescita mondiale nel 2020 è negativo, e prevediamo una recessione globale peggiore rispetto al crash finanziario del 2008

Kristalina Georgieva si è mostrata particolarmente preoccupata parlando dei paesi emergenti: secondo i calcoli del FMI i grandi investitori internazionali hanno ritirato 83.000 milioni di dollari dai mercati emergenti: “Mai era successo fino ad ora” sottolinea Georgieva.

Soddisfazione comunque nel FMI per le misure fiscali che i governi europei hanno preso per combattere l’emergenza, anche se è possibile che si debbano aumentare ancora una volta gli stimoli fiscali affinché le imprese possano ripartire con normalità dopo che il virus sarà finalmente scomparso.

In ottica di trading, questo conferma la mia idea che occorra insistere nel breve periodo con le posizioni corte nei vari indici, anche se in questo preciso momento, mentre sto scrivendo, le borse europee sono in forte rialzo, così come i futures americani.

Wall street veste di rosso anche oggi

Un altro giorno difficile a Wall Street, Coronavirus è senza dubbio il personaggio principale.

Il risultato è stato che la piena potenza di fuoco della Federal Reserve non riesce ad arrestare la scivolata nei mercati (Dow Jones e S&P 500 lasciano sul terreno circa il 3%, mentre il Nasdaq limite le perdite allo -0,27%)

“La Federal Reserve è impegnata a utilizzare la sua gamma completa di strumenti per supportare le famiglie, le imprese e l’economia americana in questo momento difficile”, ha dichiarato la Fed in una nota. Ma sarà abbastanza?

Ciò che è veramente chiaro per me è che l’economia degli Stati Uniti e dell’UE dovrà affrontare gravi perturbazioni a marzo e aprile (probabilmente anche a maggio).

Dal mio punto di vista di trader, questo è un segnale che dobbiamo insistere nell’andare short sul il mercato, invece di sperare di acquistare titoli a basso costo (probabilmente saranno più economici fra qualche tempo…)

Dato che voglio rimanere tra il 3 e il 5 del punteggio di rischio in eToro, non userò una leva elevata e cercherò di pensare a medio / lungo termine, anche perché questo è ciò che mi chiedono i miei follower e copiatori.

Allo stesso tempo, cercherò di sfruttare tutte le opportunità che vedo per operare intraday (sia short che long).

Happy trading 🙂 #iorestoacasa